Home Rimborsi utenze domestiche e telefoniche Richiesta risarcimento danni: quali sono le procedure da seguire

Richiesta risarcimento danni: quali sono le procedure da seguire

9 minuti stimati di lettura
0
richiesta-risarcimento-danni

La richiesta risarcimento danni deve essere fatta in tempo utile per poter portare a un reale risarcimento. Ecco tutte le procedure e le tabelle a cui fare riferimento.

La tabella risarcimento danni

Prima di vedere la tabella del Tribunale di Milano aggiornata al 2018, è importante distinguere tra i tipi di danno subiti.

  • Patrimoniale. Danno stimato ad un oggetto di proprietà, oppure un danno subito per mancato guadagno dovuto a un incidente.
  • Non patrimoniale. Si tratta di un danno che riguarda la salute (danno biologico), causa dolore a livello emotivo (danno morale), oppure crea seri problemi a livello psicologico tali da non consentire il ritorno al lavoro o ad un regime di vita identico a quello precedente (danno esistenziale).

La tabella del Tribunale di Milano si riferisce solo al danno non patrimoniale, in quanto quello patrimoniale si può quantificare tramite una stima oggettiva. Qui si può scaricare la tabella risarcimento danni con tutti i riferimenti all’età e all’entità del danno.

Come effettuare il calcolo del risarcimento danni

Il calcolo del risarcimento danno non è molto semplice. Bisogna valutare quando è stato causato il danno, per usare la giusta tabella di riferimento. In più,è necessario tenere in conto l’età e il sesso della persona, oltre a quantificare i danni subiti mediante perizie o visite da parte di strutture pubbliche.

Si può comunque fare una stima dell’entità del risarcimento aggiungendo al danno patrimoniale quello non patrimoniale in base alla tabella di riferimento. In caso di controversia legale, è il giudice a indicare una terza figura che possa effettuare una valutazione imparziale in base ai documenti presentati.

Modello generico per richiesta di risarcimento danni

Per fare una domanda si può copiare e incollare questo modello, da inviare poi tramite PEC o raccomandata.

[Indirizzo del destinatario]

Oggetto: Richiesta risarcimento danni

Io sottoscritto [nome e cognome], C.F. [inserire il codice fiscale], nato a [città di nascita], il xx/xx/xxxx e residente a [città], in via [inserire qui l’indirizzo completo] con La presente richiedo risarcimento danno per quanto avvenuto in data [indicare la data] riportando i fatti qui di seguito:

[indicare il motivo della richiesta risarcimento danni] [Indicare tipo del danno patrimoniale/non patrimoniale]

Per inviare il risarcimento, è possibile inviare un bonifico a questo conto corrente:

IBAN: IT xx xxxxx xxxxx xxxxxxxxxxxx.

Se non si farà fede entro 60 giorni lavorativi, si procederà alle vie legali.

A tal fine, si allegano:

[inserire qui in elenco puntato i documenti inseriti]

Cordiali saluti.

Luogo, data e firma.

La lettera di richiesta risarcimento danni

La richiesta per il risarcimento del danno si può fare anche usando i modelli messi a disposizione dalle compagnie di assicurazione, ma solo se queste sono coinvolte. Per esempio, per un incidente d’auto, sarà necessario modificare la lettera per inserire:

  • Cause dell’incidente.
  • Targhe di entrambi i conducenti.
  • Numero della polizza.
  • Come allegati: il verbale, il modulo CAI, ecc.

In questo caso, la lettera si trova direttamente sul sito della compagnia di assicurazioni. Per una richiesta generica, invece, è importante che la lettera indichi tutte le informazioni principali, come:

  • Dati del soggetto richiedente il rimborso.
  • Motivi di richiesta del risarcimento.
  • Eventuali documenti allegati.

Come compilare il fac simile per richiesta di risarcimento

Come fare se sono gli eredi a chiedere il risarcimento di un danno? Prima di tutto, è necessario utilizzare un’altra tabella, quella per caso morte. In caso di richiesta per morte sul lavoro, però, sarà necessario fare la denuncia e presentare tutto all’INAIL, invece della richiesta generica.

Per caso morte in ambito ospedaliero, invece, oppure a seguito di un incidente, la richiesta andrà fatta a chi ha causato il danno. Probabilmente, però, i tempi saranno molto lunghi, perché si dovranno accertare eventuali responsabilità.

Cosa fare per scrivere un fac simile di richiesta per risarcimento del danno subito? Prima di tutto, è importante non agire da soli, ma rivolgersi ad un legale. In questo modo, sarà lui a fare la richiesta e a rivolgersi al tribunale se necessario. Le informazioni di base saranno comunque: chi richiede il risarcimento, perché e a quanto ammonta.

Quando rivolgersi a un legale

Ci si rivolge a un legale quando non si riesce a quantificare l’ammontare del risarcimento, oppure quando non sono chiare le responsabilità. Per esempio, in caso morte di una persona a seguito di un’operazione, è necessario capire se è stato fatto tutto il possibile o meno. Quando si apre un’indagine o si vuole vedere chiaro, affidarsi ad un legale è la soluzione migliore per far sì che la richiesta di risarcimento danni abbia seguito.

Per richieste di minore entità, oppure quando il danno è patrimoniale, il legale interviene solo in un secondo momento, quando le parti non riescono a mettersi d’accordo. In ogni caso, un consulto può essere sempre utile prima di andare in tribunale.

A cosa fare attenzione

Il risarcimento del danno è soggetto a continui aggiornamenti degli indicatori. Per questo, si ricorda che è sempre importante verificare la tabella dell’anno in cui si è verificato il danno per effettuare il calcolo di conseguenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche...

Come richiedere il rimborso del canone RAI

Come richiedere il rimborso canone RAI? Ecco quali sono tutte le modalità per provare a ot…